POST IT

/POST IT
POST IT2018-04-23T12:57:00+00:00

Project Description

POST IT – Alternative per l’educazione è un evento di in-formazione aperto a tutt* e organizzato da Eduraduno e La Città dell’Utopia che si terrà il 5 e 6 maggio 2018.

Dopo un lungo percorso di condivisione e confronto tra attivis* delle due realtà coinvolte abbiamo deciso di portare alla luce alcuni aspetti e spunti sul macro-tema “EDUCAZIONE” intesa come motore di cambiamento sociale e azione politica.

L’evento è aperto a genitori, insegnanti, educator*, operator* sociali e tutt* coloro che si interrogano su derive, possibilità, potenzialità e idee educative.

Gli interventi dei vari formatori e formatrici che si alterneranno proporranno tutti una metodologia esperienziale e partecipativa nell’ottica di creare un gruppo di scambio e una comunità educante.

La partecipazione all’evento prevede un costo di 35+5 € comprendenti: tessera associativa annuale, 16 ore di formazione, attestato di partecipazione, materiale didattico.

L’iscrizione è obbligatoria e aperta fino al 3 maggio 2018.

Per maggiori informazioni e iscrizioni scrivi a info@eduraduno.it

Post It

h. 9-10
Accreditamento, Presentazione della Giornata
Associazione Eduraduno

h. 10-11.30
Il viaggio: non solo un concetto ma una realtà quotidiana
Proposta di un modulo didattico in cui si parla del viaggio sotto le diverse forme e che attraverso il gruppo di partecipanti può dare vita a una vera e propria lezione in cui temi variegati come le differenze interculturali, quelle di genere e le divergenze di pensiero possono convergere e creare un solo prodotto. Una veloce analisi sulle diverse forme di comunicazione e di quanto in realtà sia facile recuperare interessanti ed efficaci strumenti educativi, che stimolano e incuriosiscono alunni e alunne.
Area tematica: didattica alternativa
Nicola Pellegrino, insegnante scuola primaria. Specializzato nel campo della devianza minorile ed inadempienza scolastica. Da anni impegnato nel campo LGBTQI per l’abbattimento degli stereotipi di genere partendo dalla scuola elementare, ricorrendo ad una didattica alternativa che possa attraverso vari linguaggi far riflettere e discutere su temi difficili come quelli riguardanti la DIVERSITA’, la MIGRAZIONE, la VIOLENZA e il BULLISMO.

h.11.30-12
Pausa

h. 12-13.30
Il cambiamento in educazione
Attraverso riflessioni e attività condivise, scopriamo insieme come la Rete possa migliorare l’efficacia e la qualità della formazione in presenza.
Area Tematica: formazione in Rete
Alberto Quagliata, ha insegnato per 20 anni negli istituti professionali delle periferie romane, insegna progettazione didattica per la formazione in rete all’Università degli Studi Roma Tre.
Stefania Nocca, educatrice e pedagogista teatrale collabora nel Laboratorio di
I-learning e Digital Storytelling del Dipartimento di Scienze della Formazione
di Roma Tre. Segue un percorso di ricerca presso il Mimesislab Laboratorio di Pedagogia dell’espressione, Università Roma Tre. Si occupa di dispersione scolastica nelle scuole del territorio di Acilia.

h. 13.30-15
Pranzo

h. 15-16.30
La maieutica reciproca dall’azione di Danilo Dolci a oggi
L’incontro è finalizzato alla scoperta delle caratteristiche teoriche e pratiche della maieutica reciproca attraverso l’esperienza sul campo e sul sé
Area tematica: maieutica reciproca
Tiziana Rita Morgante, insegnante di scuola primaria, cultrice della pedagogia e del pensiero di Danilo Dolci.

h. 16.30-16.45
Pausa

h. 16.45-17.45
Un’esperienza messicana: gli stimoli che può dare un’università popolare autrganizzata, come tradurli rientrando a casa.
Alcuni spunti sull’esperienza dell’universidad de la tierra de oaxaca, visti da un giovane educatore, stimoli utili e modalità di declinare le esperienze nei nostri territori.
Area tematica: decostruzione della didattica verticale, disapprendimento, apprendimento cooperativo
Claudio Orrù, attivista sardo attivo all’interno del coordinamento dei comitati sardi contro le devastazioni, da poco non è più maestrino di una scuoletta libertaria ma comunque continua a collaborare a distanza con “I prataioli” una scuoletta libertaria dell’appennino modenese.

h.17.45-18.30
Un’esperienza argentina: uscire dalla scuola apprendere in comunità
Come si costruisce una comunità di apprendimento, dis-apprendere, de-colonizzare l’apprendimento ovvero come costruire insieme un apprendimento radicalmente differente, radicalmente espressione di chi lo crea.
Area tematica: decostruzione della didattica verticale, disapprendimento, apprendimento cooperativo
Cesilia Roja, Membro della comunità CARANDAY. Comunidad de Aprendizaje: Comunità aperta a famiglie, all’intergenerazionalità che vuole costruire un’educazione che faccia esprimere l’essere umano in tutto il suo potenziale. Uno spazio in cui ogni essere umano “co-crea” la sua formazione in cooperazione con gli altri. Co-autrice del libro Más allá de la escuela – Historias de aprendizaje libre (Oltre la scuola – Storie di apprendimento libero).

h.10-11.30
Peer to peer: che cos’è l’educazione tra pari e come funziona
L’incontro offrirà degli spunti, teorici e pratici, per conoscere meglio la Peer Education come approccio educativo e strumento di apprendimento partecipativo.
Area Tematica: Peer education, Inclusione sociale, Comunicazione Efficace
Ilaria Saponaro, Psicologa Psicoterapeuta. Dal 2010 collabora con il CIES onlus, come operatrice del Centro Giovani e Scuola d’arte Matemù di Roma (Cies Onlus). Attualmente, sempre per il CIES onlus, è Responsabile per le attività educative con le scuole.

h.11.30-12
Pausa

h. 12-13.30
Corpo, mente e ambiente di lavoro
Saranno proposte delle attività tecniche pratiche che porteranno i partecipanti a vivere sulla loro pelle esperienze e sensazioni. Queste saranno poi elaborate e riportate nel proprio ambito di lavoro e nella propria quotidianità. Percorso atto ad istruire e potenziare i singoli nella lettura di loro stessi e nella messa in opera di strategie alternative per fronteggiare i problemi.
Area Tematica: Educazione Outdoor
Federico Adinolfi, psicologo clinico e educatore di comunità per minori

h. 13.30-15
Pranzo

h. 15-16
Educazione Libertaria
Area Tematica: Educazione Libertaria
Silvia Nesticò

h. 16-16.30
Pausa

h. 16.30-17.30
Experiential Learning Outdoor: le soft skills nel gioco
Quello che proponiamo è un’attività d’apprendimento esperienziale in ambiente outdoor. Il gruppo dovrà elaborare una strategia per superare una prova: comunicazione, collaborazione, problem solving; queste sono le skills che verranno stressate per dare un assaggio del lavoro che stiamo portando avanti in alcune scuole del territorio e che abbiamo portato in Africa con il progetto WE AfriHug. Può un’attività che appare prevalentemente ludica, nascondere degli spunti di crescita? Lo scoprirete mettendovi alla prova con noi!
Area Tematica: Educatori Outdoor
MarcoValerio Battaglia, dal 2013 lavora come facilitatore di gruppi per il Kamaleonte. Presidente dell’Associazione Io Per l’Altro ha portato avanti diversi progetti educativi in Europa (NoWalls – MoreWords) e in Africa (WE AfriHug) lavorando con gli studenti delle scuole secondarie e delle Università.
Claudia Cirilli, lavora come facilitatrice di gruppi con il Kamaleonte e studia Comunicazione Pubblica e d’Impresa. Con l’Associazione Io Per l’Altro ha partecipato nei progetti NoWalls – MoreWords e WE AfriHug, formando i giovani studenti in Europa e in Africa.

h. 17.30-18.30
Chiusura
Associazione Eduraduno